• Italiano
  • English

Dottorato di Ricerca in Scienze degli Alimenti

Presentazione

Presso il dipartimento è attivo il Corso di Dottorato in Scienze e Tecnologie Alimentari che rappresenta, per il settore alimentare, il punto più elevato del percorso formativo che l’Ateneo offre ai suoi laureati magistrali. Questo corso forma ricercatori dotati di approfondita conoscenza teorico-pratica e di appropriata metodologia sperimentale, necessarie per affrontare le complesse sfide del settore alimentare.In molti casi le attività sono svolte in stretto contatto con realtà imprenditoriali nazionali ed internazionali.

Grazie a questa impostazione, i dottori di ricerca in Scienze e Tecnologie Alimentari possono diventare soggetti capaci di innovazione anche grazie alle spiccate caratteristiche di interdisciplinarietà cha spaziano dalla biochimica, chimica, microbiologia, nutrizione, fino alla gestione dei processi della tecnologia alimentare. Con elevato livello di preparazione e grazie al rigore della metodologia scientifica tipici della formazione di 3° livello, i dottori di ricerca in Scienze e Tecnologie Alimentari saranno quindi in grado di contribuire allo sviluppo del settore alimentare per una sempre maggior competitività sui mercati mondiali di questo settore tipico del “Made in Italy”

Le attività si avvalgono di un gruppo interdisciplinare di ricercatori in tecnologie alimentari, microbiologia, chimica degli alimenti, veterinaria, nutrizione, agraria ed economia, con un capacità che spaziano lungo tutta la filiera. Le linee di ricerca attive presso il dipartimento sono mirate all’aumento della conoscenza  nella definizione delle proprietà sensoriali e chimiche di alimenti e bevande, nello sviluppo e progettazione di nuovi alimenti, nel controllo di qualità delle materie prime, nella valutazione dell’impatto nutrizionale dei cibi, nella coltivazione di specie erbacee ed arboree, nello studio di alimenti funzionali e nutraceutici, nell’impiego di microrganismi, nella valutazione economica delle filiere alimentari.

Attività di Ricerca

Il dottorato di ricerca in Scienze degli Alimenti copre ogni tema di ricerca presente nel percorso “from the field to the fork” tipico delle filiere alimentari. I temi di ricerca attualmente centrali per il settore alimentare rigurdano la definizione di strumenti conoscitivi e di metodi capaci di intervenire su qualità e sicurezza degli alimenti. Le linee di ricerca sulle quali si incardina il percorso formativo del Dottorato di Scienze degli Alimenti dell’Univeristà di Parma riguardano le seguenti aree: Chimica e Biochimica degli Alimenti, Microbiologia degli Alimenti, Tecnologie Alimentari, Nutrizione Umana, Produzioni Primarie Animali e Vegetali, Ispezione degli Alimenti.

I gruppi di ricerca operativi sono così descritti:

  • Area Agronomica

L’area è attiva nei seguenti campi di ricerca:

  1.     Salvaguardia del germoplasma e tutela della biodiversità, conservazione in situ ed ex situ
  2.     Conservazione e colture in vitro, criconservazione, incapsulazione di espianti vegetali
  3.     Analisi genomiche
  4.     Caratterizzazione morfologica, analisi istochimiche ed anatomiche
  5.     Valutazione agronomica di colture arboree, miglioramento genetico, valutazione della tolleranza al freddo di colture agrarie.
     
  •  Area Chimica degli Alimenti

L’attività di ricerca svolta dall’Area Chimica è incentrata principalmente sulla caratterizzazione molecolare di alimenti mediante metodi cromatografici, spettrometrici, spettroscopici e computazionali e sulla ricerca di specifici indicatori molecolari di qualità e autenticità. Di seguito si elencano i principali temi di ricerca sviluppati.

  1. Proteomica e Peptidomica (Proprietà nutrizionali, biofunzionali ed allergeniche di peptidi e proteine, proteolisi, sintesi su fase solida di proteine, peptidi e peptidomimetici; studi di interazione proteina-ligandi con metodi computazionali)
  2. Lipidomica mediante GC-MS
  3. Metabolomica mediante tecniche NMR
  4. Studio di componenti secondari: contaminanti (origine, presenza negli alimenti e destino metabolico nell’uomo di micotossine mascherate), aroma degli alimenti, D-ammino acidi, sostanze bioattive ad attività nutraceutica
  5. Studio dell’effetto dei trattamenti tecnologici sui componenti principali e secondari degli alimenti e sui composti bioattivi in particolare
  6. Modellistica molecolare (studio di interazione fra nutraceutici e recettore degli estrogeni; progettazione di banche dati 3D di molecole di interesse alimentare, sviluppo di metodi software per in silico screening/docking).
     
  • Area Ispezione degli Alimenti

Il gruppo è attivo con ricerche riguardanti:

  1. Studio dei batteri pericolosi per uomo
  2. Ricerca di contaminanti ambientali e residui di sostanze chimiche
  3. Studio della sicurezza dei processi
  4. Autenticazione degli alimenti di origine animale
     
  • Area Microbiologia degli Alimenti

Il gruppo opera secondo tre filoni principali di ricerca:

  • Qualità degli alimenti: microrganismi utili alle produzioni alimentari:
  1. Studio dei fattori che regolano lo sviluppo microbico negli alimenti
  2. Funzionalità tecnologica di colture starter impiegate nel settore caseario per la produzione di formaggi
  3. I microrganismi negli alimenti fermentati: dinamiche di sviluppo e implicazione nella maturazione
  4. Caratterizzazione tecnologica dei batteri lattici mediante studi fenotipici, genotipici e post-genomici
  • Sicurezza alimentare
  1. Presenza di batteri patogeni in prodotti alimentari
  2. Analisi microbiologiche di processo
  3. Modelli di predizione di sviluppo di microrganismi coinvolti nella sicurezza e qualità degli alimenti
  4. Modelli di interazione e sviluppo di comunità microbiche complesse
  •  Batteri probiotici
  1. studio dei fattori di promozione della crescita
  2. studio della relazione tra microrganismi-dieta-microbiota intestinale
     
  • Area Nutrizione Umana

 Il gruppo è attivo in diversi contesti di ricerca:

  1. Studio della biodisponibilità, metabolismo e bioattività di composti fitochimici di origine dietetica.
  2. Valutazione della qualità dei carboidrati mediante metodologie in vitro e in vivo.
  3. Valutazione degli effetti di trattamenti tecnologici sulla qualità nutrizionale degli alimenti di origine vegetale.
  4. Valutazione dell’effetto di regimi dietetici particolari sulla salute umana.
     
  •  Area Produzioni Animali

Gli argomenti di ricerca inerenti questo settore riguardano:

  1. Stima degli effetti esercitati sul latte e sui derivati caseari da parte di fattori di natura genetica fisiologica, patologica, ambientale e tecnologica
  2. Monitoraggio di caratteristiche produttive, chimiche, chimico-fisiche, tecnologico-casearie e della resa casearia del latte.
  3. Valutazione delle caratteristiche chimiche e strutturali dei derivati, con particolare riferimento ai formaggi.
  4. Messa a punto di nuovi strumenti analitici per la valorizzazione del latte destinato alla trasformazione casearia.
     
  • Area Tecnologie Alimentari
    Le attività di ricerca più rilevanti vertono su:
    1. Valutazione dell’effetto di processi tradizionali e innovativi e della formulazione sulle caratteristiche di qualità e sicurezza e sulla stabilità di prodotti alimentari.
    2. Sviluppo di prodotti alimentari tailor-made anche per soddisfare le esigenze specifiche di gruppi di consumatori.
    3. Sicurezza alimentare, normative nazionali, europee ed extra-europee.
    4. Trattamenti di stabilizzazione e loro validazione.
    5. Metodi di prova e validazione igienica delle apparecchiature alimentari.

A titolo di esempio si riportano alcuni titoli di ricerche in corso o condotte negli ultimi anni.

  • Bioavailability, metabolism and bioactivity of polyphenol compounds.
  • Effect of formulation and processing on physico-chemical proprieties and stability of ready to eat meals.
  • Structural, textural and nutritional impact of a typical industrial freezing process on selected vegetables.
  • Influence of geographical origin and fermentation on cocoa beans composition
  • Non Proteolytic Aminoacyl Derivatives (NPADs): synthesis, biochemical/biofunctional properties.
  • Dietary assessment and mycotoxin exposure  in a group of celiac subjects
  • Natural polyphenols: an “in vitro” investigation on their protective role as inhibitors of amyloid formation by human transthyretin
  • UHPLC-tandem high resolution mass spectrometry for targeted and untargeted analysis of potential migrants in polycarbonate food-contact plastics.
  • Effect of domestic cooking on structure and antioxidant compounds of pigmented rice
  • Vegetable processing: impact on physical properties
  • Quercetin-3-o-glucuronide affects gene expression profile of m1 and m2a macrophages exhibiting anti-inflammatory effects
  • Determination of thermal treatment markers in flours and related products by capillary electrophoresis coupled to tandem mass spectrometry
  • An in vitro study on nutritional characteristics of different wheat bran
    fractions
  • Natural polyphenols: a survey “in vitro” on their potential protective role against amyloidogenic proteins.
  • Development of a food composition database of gluten free products
  • Non proteolytic aminoacyl derivatives in Parmigiano Reggiano cheeses: origin and properties
  • Occurrence of Deoxynivalenol and Deoxynivalenol-3-glucoside in durum wheat
  • Evaluation of peptidase activities of Lactobacillus and Bifidobacterium when exposed to new and traditional proteinaceus hydrolizates
  • Simulated gastrointestinal digestion of gluten: assessment of different in vitro models
Didattica

Il corso di dottorato ha come obiettivo la formazione di futuri ricercatori attivi sia nel pubblico che nel privato e dotati di conoscenze teoriche e padroni nella prassi sperimentale necessaria per interpretare le esigenze attuali delle diverse aree del settore food.

Durante il XXX° Ciclo di Dottorato gli studenti partecipanti potranno frequentare i seguenti corsi tenuti da Visiting Professors di prestigiosi atenei stranieri:

Inoltre, 

  • La scuola Dottorale, in collaborazione con il Centro Abilità Linguistiche dell’Università di Parma, organizzerà cicli di seminari interdisciplinari dedicati al perfezionamento linguistico. Tra gli argomenti trattati: Academic Writing for PhD Students; Introduction to Creative writing. Il Dottorato prevede la collaborazione con numerosi enti di ricerca internazionali. Nell’ambito di questi rapporti verranno organizzati seminari in lingua inglese. Ai corsi e ai seminari verranno assegnati CFU
 
  • Sarà data ai dottorandi la possibilità di frequentare corsi di formazione e seminari dedicati alla gestione della ricerca, della conoscenza dei sistemi di ricerca e dei sistemi di finanziamento, organizzati all'interno del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco, dell'Ateneo e da parte di altre istituzioni come ASTER e Regione Emilia Romagna.
 
  • Anche con l'ausilio di esperti del settore industriale, il corso di dottorato effettuerà seminari dedicati all'uso e all'importanza di parametri e database bibliometrici, sui fattori di merito per la valutazione della qualità della ricerca con nozioni sulle forme di tutela brevettale. Saranno offerti ai dottorandi iscritti al primo anno, affinchè possano correttamente indirizzare le loro attività durante il triennio.
 
  • E' prevista la frequenza su base volontaria delle attività di Open Panel EFSA in qualità di osservatori delle riunioni dei Panel relative ad argomenti inerenti il sistema Europeo della valutazione del rischio nel settore alimentare. E' inoltre prevista la offerta formativa di volta in volta proposta su base regionale da ASTER nel settore della ricerca regionale e internazionale. La Scuola Dottorale organizzerà infine cicli di seminari interdisciplinari dedicati al perfezionamento linguistico ed informatico ed alla gestione dell'attività e dei risultati della ricerca. Tra gli argomenti trattati,: Scientific writing; Preparing a grant application; Biometria, chemiometria e bioinformatica; Protezione della proprietà intellettuale; Trasferimento dei diritti relativi alla PI (licenza, cessione, spin off).

 

Composizone, contatti e bandi

Il dottorato in Scienze degli Alimenti dell’Università degli Studi di Parma ha sede presso il Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco

Il coordinatore del dottorato è il Prof. Furio Brighenti.

Per informazioni relative ai bandi attivi e per ulteriori indicazioni di carattere burocratico-amministrativo il riferimento d’ateneo è il servizio corsi e scuola di dottorato, che fornisce anche dettagli sulle Istruzioni per depositare le tesi di dottorato e per la modulistica varia per i dottorandi: certificazioni, autocertificazioni, variazioni residenza, domicilio, recapito telefonico/mail, C/C, autorizzazioni missioni etc.

Elenco dei Garanti del XXXII Ciclo

Barbanti Davide
Bernini Valentina
Bottari Benedetta
Brighenti Furio
Bruni Renato
Caligiani Augusta
Carini Eleonora
Cerretani Lorenzo
Chiancone Benedetta
Chiavaro Emma
Cozzini Pietro
Dall'Asta Chiara
Del Rio Daniele
Dossena Arnaldo
Elst Kathy
Fabbri Andrea
Galaverna Gianni
Ganino Tommaso
Gatti Monica
Ghidini Sergio

Pubblicato Giovedì, 24 Novembre, 2016 - 09:32 | ultima modifica Mercoledì, 24 Maggio, 2017 - 15:04